Online il nuovo numero del Giovane Avanti.

Sul Giovane Avanti è appena uscito un mensile contenente due miei articoli. Il primo, a pagina 6, è sul voto ai fuorisede alle prossime elezioni europee dell’8 e 9 giugno. Per questo vorrei ringraziare le ragazze e i ragazzi del comitato Voto dove Vivo che mi hanno dato un grande supporto per la stesura. A pagina 8 invece potrete trovare un’intervista alla Senatrice Cecilia D’Elia, la quale mi ha dedicato del tempo per raccontarmi il ruolo della donna in politica e più in generale nel panorama culturale italiano. Ringrazio il Direttore del GA Riccardo Imperiosi e la Vice Direttrice Giulia Cavallari. Di seguito troverete i miei articoli e il link per poter leggere l’intero numero gratuitamente.

La medicina è una cosa da uomini e la colpa è di questo governo.

Lo scorso 20 marzo si è insediato il nuovo Consiglio d’Amministrazione dell’AIFA. Perché è così importante saperlo? Direte voi. Ovviamente non è solo una questione di coscienza civica dato che l’Agenzia Italiana del Farmaco è il più importante ente pubblico a regolare tutto ciò che riguarda i medicinali nel nostro paese; ma soprattutto è importante osservare la composizione di questo nuovo CDA. Come si può apprendere dal sito web dell’AIFA il CDA è composto da quattro membri, più altri due che nonostante lo presenzino non ne fanno parte. La cosa sconvolgente è che tra questi membri nessuna è donna… Per continuare a leggere clicca qui.

In Puglia è guerra aperta, il campo progressista si sfalda.

“E guerra aperta in Puglia dopo che Giuseppe Conte, leader del Movimento 5 Stelle, ha fatto saltare le primarie del campo largo in vista delle elezioni comunali di Bari. Ciò, a detta dell’ex Presidente del Consiglio, sarebbe stato causato dal proseguimento dell’inchiesta aperta poche settimane fa a carico di alcuni esponenti del Partito Democratico locale, rei di aver comprato dei voti in due elezioni di piccoli centri del barese.” […]
Insomma, osservando bene la situazione pugliese possiamo renderci conto di come i possibili, e ora concreti, rischi del campo largo non deriverebbero dal suo, perdonate il gioco di parole, allargamento ai liberali e ad AVS, come qualcuno immaginava; ma il suo più grande pericolo sarebbe proprio la competizione, che oggi sembra implacabile, tra PD e M5S.

Continua su https://www.giovaneavanti.org/giovaneavanti/in-puglia-e-guerra-aperta-il-campo-progressista-si-sfalda?fbclid=PAAaYsUI8xbE1Q5JDFoWwGK75AQR9bNetF_Vuil_m0V6kltiCYet_aSmggdWQ_aem_Afu7j0hRmi0zw8TwD6gGKbjd0V49cgpLim65nn

La strada per gli Stati Uniti d’Europa passa per l’alleanza tra socialisti e liberali, forse.

Ci sono un socialista, un liberale e un conservatore. Il primo spinge da anni per l’integrazione europea del proprio paese e del suo popolo. Il secondo tiene così tanto all’idea di Unione che organizza una convention per andare verso una federazione continentale. Il terzo invece, a causa del suo irrefrenabile nazionalismo, è ostico all’idea di “UE” e sabota gli altri due. Quanto detto non è una barzelletta ma la realtà dei fatti, la situazione osservabile alla convention del 24 febbraio denominata: “Verso gli Stati Uniti d’Europa, con Emma Bonino”. L’iniziativa, organizzata e promossa da +Europa, ha raccolto il mondo liberale italiano e più in generale i principali attori del centro-sinistra, con la voluta assenza del Movimento 5 Stelle e di Alleanza Verdi Sinistra, ritenuti troppo distanti dalle istanze europeiste dell’evento. Dicevamo, il dichiarato scopo della convention è stato quello di stilare un programma comune alle forze liberali, con lo scopo di volgere l’opinione pubblica verso il tema del federalismo europeo, caro al partito di Emma Bonino e Riccardo Magi tanto da farne esplicito richiamo nel nome. 

La convention, condotta da Alessandro Cecchi Paone, che da decenni bazzica il mondo liberal-radicale, si è aperta con un intervento del segretario di +Europa, Riccardo Magi: “Il salto di qualità deve…

Continua

Sembra che Salvini, finalmente, stia facendo i conti con la sua vicinanza, prettamente propagandistica, al dittatore di Mosca. Infatti, nel corso degli anni il leader del Carroccio non ha fatto altro che elogiare la figura di Putin. Per esempio, nel 2015 dichiarò: «la Russia è sicuramente molto più democratica dell’Unione Europea» e ancora «cedo due Mattarella in cambio di mezzo Putin». Un atteggiamento che in questi tempi di guerra, tra la morte di un oppositore e un’uscita interventista della Francia, può risultare del tutto fuori luogo.
Tutto ciò ha portato Carlo Calenda, leader di Azione, a presentare una mozione di sfiducia nei confronti del Ministro delle Infrastrutture, nonché vicepremier, Matteo Salvini. Una mossa del tutto coerente con la linea assolutamente pro-Ucraina intrapresa dal mondo liberale nostrano. Una decisione di buon senso che è riuscita a mettere d’accordo tutte le opposizionipresenti dell’arco parlamentare, meno Italia Viva e +Europa.
Secondo i firmatari della mozione… CONTINUA SU GIOVANEAVANTI.ORG

Uniamoci sotto il nome di Schmit, l’unico avversario alla deriva estremista dell’UE.

Il mondo sta cambiando, in tutti gli ambiti: riscaldamento globale, nuove guerre, migrazioni di massa, rivoluzione digitale e tanto altro. In questo putiferio fatto di innovazioni, che se non domate a dovere potrebbero dare ragione a chi denuncia la loro pericolosità, anche la politica deve cambiare. E quale migliore occasione se non le europee di questo giugno?

Ne abbiamo avuto un esempio perfetto noi italiani, quando a settembre di ormai due anni fa il Parlamento veniva conquistato da forze di destra che di moderato hanno poco. 
Per continuare a leggere larticolo, clicca qui.

In Basilicata si sta consumando il primo atto della morte del campo largo (sul Giovane Avanti)

Una riflessione sulle regionali in Basilicata, sul Giovane Avanti:

C’era un tempo in cui la proposta del “campo largo” sembrava la soluzione al traballante mondo del centro-sinistra. Un campo, quello dell’alleanza PD-M5S, che sembrava l’unica scelta pragmatica per avere anche solo la possibilità di competere con il centro-destra (che ora assomiglia di più a un blocco FDI e “alleatini”). Quel tempo era la fine del mese scorso, in cui Alessandra Todde, sostenuta dall’opposizione intera stranamente unita, vinceva il trono della Regione Sardegna. Un attimo di luce, di speranza, per coloro che fin dal 2019, al tempo il segretario Dem era Nicola Zingaretti, avevano supportato l’alleanza giallo-rossa. Un’idea che però, a causa della sola motivazione utilitaristica, sembra ormai naufragare. Ne è un esempio la recentissima sconfitta elettorale in Abruzzo dove…

Per leggere l’completo clicca qui.